Il Giro d’Italia portoghese

Pochi, ma (abbastanza) buoni. Sono i tre portoghesi al via del Giro d’Italia che scatta domani da Sanremo, in Liguria, per concludersi il 31 maggio prossimo a Milano. Tappe chiave saranno la 14ª prova – una cronometro individuale di quasi 60 km da Treviso a Valdobbiadene, che scaverà sicuramente un solco profondissimo nella classifica –…

La Volta a Portugal presentata da il direttore Joaquim Gomes

Nato a Lisbona nel 1965, l’attuale direttore tecnico della Volta a Portugal ha iniziato a correre nel 1986 per la squadra dello Sporting di Lisbona insieme ai ciclisti portoghesi più forti dell’epoca, Marco Chagas e Alexandre Ruas tra gli altri, e ha vinto due edizioni della Volta, sfiorando la vittoria in diverse altre edizioni. Sin da…

Il Benfica contro la maledizione

Questo articolo è stato pubblicato prima della finale LISBONA – Riuscirà il Benfica a porre termine alla sua maledizione? Domani si gioca a Torino la finale di Europa Uefa League e la squadra allenata da Jorge Jesus, per la seconda volta consecutiva proverà a conquistare il trofeo. Lo scorso anno perse negli ultimi minuti contro…

Eusébio è il Portogallo

Piove, mentre Eusebio viene sepolto presso il Cemitério do Lumiar. C’è tanta gente, non so quanta. Devo scattare delle foto. Ma stavolta non lo faccio. Lo so, non è professionale, ma no, stavolta no. Oggi no, oggi piove, oggi viene sepolto e diventa “immortale” un calciatore, un uomo.

Due bici per Lisbona. Partenza da Torino, arrivo a Lisbona

  Turin – Lisboa…in velocipede. Perchè l’acqua costa meno della benzina. E noi ce ne volevamo andare a Lisbona. Un viaggio cicloturistico sul mediterraneo, attraverso l’Italia, la Francia, la Spagna e il Portogallo. Due bici, una tenda, poco più di 10 kg a testa, acqua e frutta secca…trenta giorni di viaggio circa, senza grandi pianificazioni.…

A Nibali il Giro delle tempeste tra la neve e il doping

La prima grande corsa a tappe della stagione, il Giro d’Italia, è andato in archivio con la vittoria dell’idolo di casa Vincenzo Nibali, che si è imposto davanti al colombiano Rigoberto Urán e all’intramontabile Cadel Evans, già vincitore di un campionato del mondo nel 2009, del Tour de France del 2011 e capace di salire…

Ayrton Senna vive tra noi

La prima volta che sono stato in Brasile avevo cinque anni. Era il 1994, nei giorni del mondiale di calcio negli Stati Uniti. La mia memoria di quegli anni non è molto solida, ma tre immagini sono rimaste fissate nel mio ricordo: Striker, il cagnolino mascotte di Usa ’94, la Selecção brasiliana (e le annesse…