4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Mezzanotte in. Parte II

«Cosa pensano gli altri? Come vivono? Cosa vedono?
Qualcuno ha dovuto dare delle risposte a queste domande».
Fredson.

O Sarracino

Mi ritrovo sul tetto della chiesa di Penha da França, riconosco subito la vista. Vento fresco in faccia, vertigine, chi ha filmato tutto questo come cavolo è arrivato sul tetto? Com’é possibile sentirsi davvero qui? Come fanno? Continua a leggere “4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Mezzanotte in. Parte II”

4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Mezzanotte in

«Cosa pensano gli altri? Come vivono? Cosa vedono?
Qualcuno ha dovuto dare delle risposte a queste domande».
Fredson.

Alla seconda bottiglia ho voglia di fumare, guardo Miguel, sorriso stampato in faccia e gli chiedo: «Che dici, bombetta? O dici che le principesse del nord qui si pigliano male se ne rollo una?». Continua a leggere “4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Mezzanotte in”

4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Intro

di Simone Faresin 

(Prima di fare click)

Lisbona è una città stupenda, meravigliosa. La amo più di quanto abbia amato una donna, anche più di tutte le donne che ho amato a Lisbona. Adoro Lisbona, nella versione decadente e sospesa, pacata come una vecchia Signora elegante che sa rifiorire dalle sue tragedie, tanto da cantarle con una certa saudade. Continua a leggere “4 storie in 4 ore – Gli appunti di Fredson – Intro”

Punto e a capo.

Lo spazio tempo è una gelatina in espansa-dispersione che sussulta ad ogni minima variazione, basta un colpetto e si mette a danzare ondeggiando e ondeggiando in un continuo carnevale.

Che sia una samba, una cumbia, una marrabenta, una kizomba o una semba. Un battito di ciglia e già mi ritrovo a fine corsa, le onde continuano a susseguirsi lungo le spiagge di tutto il mondo, continuando ad erodere quel poco di emerso che c’è su questo pianeta e a me, ahimè, tempo scaduto, devo tornare nel mio tropico. Continua a leggere “Punto e a capo.”

Cose dell’altro Tropico #7

Beh, almeno l’Autostrada dei Laghi è fatta bene,bella scorrevole e paghi solo ai caselli. In Moz la Polizia ti ferma almeno trenta volte in trenta punti differenti e ho visto spesso durante l’ispezione allungare la nota da 100 tra i documenti. La strada nazionale che unisce Maputo a Inhambane è una tela d’artista incorniciata tra filari di palme da cocco a perdita d’occhio.

Continua a leggere “Cose dell’altro Tropico #7”

Cose dell’altro Tropico #6

Sono 16 anni che sto tentando di finire il mio primo libro. 518 anni dopo Vasco da Gama arrivo a Inhambane
e una misteriosa torre con i suoi 4 orologi fermi a indicare quattro ore differenti ai quattro venti, mi aiuta a ritrovare la strada, una nuova rotta per arrivare in un porto sicuro e concludere una grande traversata il dire e il fare.

Continua a leggere “Cose dell’altro Tropico #6”

Cose dell’altro Tropico #5

Domenica mattina, mi sveglio e… Sono da 3 MESI A MAPUTO.

29 Aprile 2016, giornata mondiale della Danza e il giorno dopo: giornata mondiale del Jazz.. Yo! Oggi invece mi sono svegliato a scrivere questo post, con 3 mesi di ritardo, ops, sono già quattro. Cazzo me ne frega, sono 16 anni che “sto finendo” di scrivere il mio primo libro.

Continua a leggere “Cose dell’altro Tropico #5”

Cose dell’altro Tropico #3

Una volta ci si chiedeva a che età ti eri sverginato, adesso c’è da chiedersi quando il cellulare è entrato nella tua vita. Il mio primo Nokia è apparso nel 1999, avevo 18 anni compiuti, almeno ero maggiorenne. Mia madre insistì per regalarmene uno, per controllarmi, e anche perché ero sempre lontano per la naja. Ricordo che mi sentii a disagio: “oh no, adesso sono come gli altri, anche io schiavo di questo coso!”

Continua a leggere “Cose dell’altro Tropico #3”