Portogallo: è stato davvero un esperimento?

Questo articolo è stato pubblicato su Q Code il 5 dicembre 2018 con il titolo originario “Portogallo si può fare”.

di Marcello Sacco

Mentre in Italia ci si chiede se discutere o no con l’Europa, in Portogallo la legge di bilancio 2019 ha concluso il suo iter parlamentare la settimana scorsa. È l’ultima finanziaria di questo governo, sempre nel segno della riduzione del deficit, ma elaborata in costante dialogo con le sinistre e senza fendenti a sorpresa su stipendi e pensioni. Continua a leggere “Portogallo: è stato davvero un esperimento?”

Annunci

La strana crescita portoghese

Lisbon Mayor backed by Portuguese Socialist Party (PS) Antonio Costa, flanked by his wife, Fernanda Tadeu, on the last day campaign for the portuguese local elections, Lisbon, Portugal, 27 september. Portugal holds local elections on Sunday, two weeks before the government hands in a budget proposal for 2014 that will include new spending cuts. Antonio Costa leads ahead Fernando Seara (center-right coalition) with a large majority, according the opinion polls. MANUEL DE ALMEIDA / LUSA
Nella foto, il primo ministro portoghese António Costa

Discutono strategie, tempi, punti percentuali, accelerano e frenano sull’agenda di smantellamento progressivo della vecchia austerità. Chissà quanto il loro elettorato storico saprà apprezzare o non castigherà piuttosto tanto buon senso.

Continua a leggere “La strana crescita portoghese”

Il Banco prende tutto

banco espirito santo

L’avvocato Nuno Silva Vieira, che rappresenta la fetta più grossa dei membri dell’associazione, accusa la banca di vera e propria vendita fraudolenta. I conti erano falsificati e i prodotti venduti come semplici depositi a termine, anche se i tassi d’interesse al 4% e 5% (altissimi di questi tempi, specie in Portogallo) avrebbero potuto far sospettare qualcosa.

Continua a leggere “Il Banco prende tutto”

Lisbona: un luogo e un gesto

Perché i comunisti e gli abitanti delle favelas di tutto il mondo non siano mai riusciti a fare le rivoluzioni ce lo spiegano da anni storici, sociologi e filosofi. Più o meno bene. Perché nessun barbone di Praça da Alegria va a prendersi il pane appeso a una porta chiusa, invece, lo sanno solo Lisbona e Dio. Non io. Scelgo un luogo e un gesto … Continua a leggere Lisbona: un luogo e un gesto