Il Portogallo un passo alla volta: reportage di un viaggio lusitano

di Valerio Moggia 

Un libro su un viaggio in Portogallo dopo quanto già scritto da Saramago potrebbe essere uno sforzo inutile, penserete voi. Eppure mai come oggi il Portogallo merita di essere (ri)raccontato, ora che è diventato nuova meta e utopia per i delusi della Vecchia Europa, in cerca di lavoro o di condizioni di vita più vantaggiose. Continua a leggere “Il Portogallo un passo alla volta: reportage di un viaggio lusitano”

Annunci

D’amore e baccalà, un romanzo ambientato a Lisbona tra sogno e realtà

C’è Daniele, un ragazzo milanese che fino a qualche anno faceva l’operaio nella sua città, poi molla tutto e arriva a Lisbona. Ora vive suonando per locali, è il frontman dei Ginga a Milanesa e fa parte del trio Wattaforg (insieme a Francesco “Foggy” Pintaudi e alla cantante irlandese Amanda Naughton).

Daniele lo puoi trovare durante il giorno anche nelle strade e nelle piazze della capitale portoghese a fare busking, ovvero ad esibirsi gratuitamente in luoghi pubblici e se ti va, puoi fargli un’offerta libera. Continua a leggere “D’amore e baccalà, un romanzo ambientato a Lisbona tra sogno e realtà”

Per Antonio Tabucchi, il Mandala di Maria Cristina Mannocchi

«Partecipai alla mia prima gita scolastica importante alla fine degli anni ’80. Era la tanto attesa gita dei maturandi che tutti i ragazzi, da poco arrivati alla maggiore età, aspettavano ansiosamente, in un’epoca in cui viaggiare (e per di più in aereo) era meno consueto. Continua a leggere “Per Antonio Tabucchi, il Mandala di Maria Cristina Mannocchi”

Oggi mi sento così. Diario di un Azulejo – Intervista a Nunzia de Palma

Screenshot (5)

Gli azulejos – dall’arabo الزليج az-zulaiŷ, ʺpietra lucidataʺ – sono le tipiche piastrelle in ceramica smaltata che rivestono le facciate di molti palazzi portoghesi. Ce ne sono del tipico colore azzurro che caratterizza alcuni grandi dipinti composti da centinaia o migliaia di piastrelle, in molte chiese ad esempio, oppure di molti colori diversi, con motivi geometrici o floreali. Continua a leggere “Oggi mi sento così. Diario di un Azulejo – Intervista a Nunzia de Palma”

Sulle orme di Tabucchi – Una quarta di copertina scritta all’ultimo

Dopo la bella gita scolastica a Lisbona con l’affettuoso e profondo incontro con Tabucchi, tornata a Roma gli  telefonai per ringraziarlo e gli chiesi se potevo mandargli un mio  manoscritto che da molto tempo non trovava la via della pubblicazione: un saggio sull’immagine della tempesta e del naufragio dai miti antichi al pensiero contemporaneo. Tabucchi lo lesse subito con attenzione, gli piacque e mi chiamò dicendomi che lo aveva mandato ad una grande casa editrice a cui era molto legato, che però poi ci disse di no perchè non aveva una collana adatta. Continua a leggere “Sulle orme di Tabucchi – Una quarta di copertina scritta all’ultimo”