Gli Indecisionisti

di Daniele Coltrinari

«A Lisbona, certamente l’Indecisionismo. Lisbona è una città che sta incarnando a mio avviso una forte espressione del contemporaneo. Stiamo parlando di una città, che, aperta all’inclusione, è entrata a far parte di quel circuito di luoghi in cui giovani e meno giovani vengono spinti dalla contemporaneissima polidirezionalità del possibile. Cosa intendo con la polidirezionalità del possibile? È uno dei concetti da cui parte la riflessione indecisionista. Si riferisce alla condizione contemporanea per cui chiunque di noi è sempre esposto a infinite possibilità».

Continua a leggere “Gli Indecisionisti”

Annunci

Turisti, vi aspettiamo a Lisbona, qui (non) c’è il paradiso terrestre

lisboa-vista

Lisbona sempre più bella, unica, straordinaria. Una città fantastica, qui non esistono problemi di nessun tipo. Negli ultimi anni il turismo è in crescita e probabilmente crescerà ancora, chissà per quanto. Continua a leggere “Turisti, vi aspettiamo a Lisbona, qui (non) c’è il paradiso terrestre”

Oggi mi sento così. Diario di un Azulejo – Intervista a Nunzia de Palma

Screenshot (5)

Gli azulejos – dall’arabo الزليج az-zulaiŷ, ʺpietra lucidataʺ – sono le tipiche piastrelle in ceramica smaltata che rivestono le facciate di molti palazzi portoghesi. Ce ne sono del tipico colore azzurro che caratterizza alcuni grandi dipinti composti da centinaia o migliaia di piastrelle, in molte chiese ad esempio, oppure di molti colori diversi, con motivi geometrici o floreali. Continua a leggere “Oggi mi sento così. Diario di un Azulejo – Intervista a Nunzia de Palma”

Che cos’è la fotografia timelapse? Intervista a Francesco Lente Cerruti

La prima cosa che cambia è il modo in cui si pensa. Da un momento all’altro si vede di più, si vede tutto, tutto quello che si muove, ma anche quello che si muoverà, una “skill” che si guadagna infatti è quella della premonizione!

Continua a leggere “Che cos’è la fotografia timelapse? Intervista a Francesco Lente Cerruti”

40 anni dopo torna in Portogallo, la storia del fotografo toscano Stefano Pacini

«Le nonne parteciparono con prosciutti, salami e bocce di vino, mia madre invece fece una predica a quello che pensava guidasse perchè più vecchio, mentre in realtà l’unico di noi con la patente l’aveva da appena due mesi».

Continua a leggere “40 anni dopo torna in Portogallo, la storia del fotografo toscano Stefano Pacini”