Lisbona

lisbona 1

In fondo quella città echeggiava dei suoi passi e rifletteva i colori dei suoi stessi occhi.

La sua anima portava il peso di vane illusioni e la serena consapevolezza di un passato trascorso ma vissuto. Le sue labbra avevano pronunciato parole di consolazione e grandi sogni di vittoria che si erano dispiegati in un tempo che scorre. Eppure si trovava lì adesso, in quel miscuglio di vivaci emozioni e di fugaci ed intense sensazioni. Sentiva l’odore del mare, avvertiva una piacevole brezza capace di scaldare ancora la sua giovane pelle. Una gran voglia di scoprire il mondo e se stesso, l’inarrestabile stupore dinanzi a dei colori che pian piano assumono il loro nitido calore e lasciano intravedere un orizzonte pieno di nuovi tramonti e nuovi domani. Teme la felicità ed ansima nel vedere riflesse su quelle disarmanti, colorate e fatiscenti facciate le sue speranze che cercano un appiglio, qualsiasi.

Quella città sa di una dolcissima ed intensa crema d’uovo e di un arzente profumo di pesce fresco. Sono odori che quando sei sazio di emozioni e di vita ti nauseano ma quando nella notte ti aggiri in cerca di nuovi perchè e nuovi chissà sono capaci di farti sorridere, ancora. Quella città è capace di riempirti il cuore se mantieni una porta aperta e di asfissiarti di povertà e maliconia quando ti accorgi che di quelle porte ne hai aperte e chiuse tante, forse troppe o magari nessuna. Si sentiva ancora un volta protetto tra i barlumi delle sue idee, dal conforto delle sue risposte mai date ma sempre sapute e da un’immensa voglia di guardare oltre il suo stesso riflesso ed intraprendere nuovi passi.

Quella città non è solo lui: è un cielo coperto di luci che ti accecano e ti cullano tra le sponde di un fiume che conduce al mare, vasto ed immenso.

In fondo quella città sono io.

 

di Giulia Genovese

giulia genoveseLavoro e vivo a Milano da 6 anni sebbene sia siciliana (di Trapani). Ho studiato economia e finanza presso l’università Luigi Bocconi. Una delle esperienze più belle del mio percorso accademico è stato di gran lunga l’erasmus fatto a Lisbona nel 2013. Il Portogallo ha letteralmente rubato una parte del mio cuore. Sono, inoltre, un’amante della lettura e della scrittura perché mi permettono di immortalare emozioni e ricordi.

Salvo accordi scritti, la collaborazione di Giulia Genovese a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita, volontaria e non retribuita. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non ha alcuna cadenza periodica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...