Lisbona e Napoli: l’incontro tra due città di mare attraverso la musica

José Malhoa, O Fado, 1910
Osservando Lisbona e Napoli si possono notare incredibili somiglianze tra queste due splendide città: stessi vicoli, stesse case, stessi panni stesi per le strade. Sono due città di mare, punto di incontri, di scambi e di contaminazione, e pur affacciandosi su mari diametralmente opposti, è possibile riscontrare una forte vicinanza tra le tradizioni musicali che rappresentano la cultura lusitana e quella partenopea, ossia il Fado e la canzone napoletana. Si tratta di due generi musicali nati nel XIX secolo, scaturiti in contesti di piccola delinquenza urbana; secondo alcuni dizionari d’epoca, il fadista prima ancora che cantore, stava infatti a indicare il faia (quello che a Napoli verrebbe chiamato “mariuolo”).

Non a caso il Fado veniva eseguito anche nelle prigioni, come simbolo della marginalità sociale; allo stesso modo anche nella sceneggiata della canzone napoletana moderna, ci sono riferimenti al mondo della malavita e della delinquenza. Essendo musiche popolari entrambe rappresentano i sentimenti del popolo e trattano di temi come la condizione umana, il destino, l’emigrazione e la lontananza. Sia nel Fado che nella canzone napoletana c’è sempre un riferimento continuo al tempo passato in un senso nostalgico, in contrasto al tempo presente in cui viene eseguita la canzone; questo produce nelle persone che ascoltano un forte senso di disorientamento poiché sembra che tempo passato e tempo presente si fondano, creando l’illusione che queste canzoni parlino proprio della vita di chi ascolta.

 

La città è sempre protagonista in entrambi i generi; pertanto luoghi come Mouraria, Alfama e Bairro Alto a Lisbona, e Santa Lucia, Sorrento e Marechiaro a Napoli non sono solo nomi di quartieri o città, ma sono luoghi importanti in senso musicale, in grado di ritrarre ambienti, atmosfere, scenari naturali e architettonici.

Ascoltando le parole di questi due generi musicali si può notare che il fado tende a prediligere scene notturne nelle proprie canzoni, mentre la canzone napoletana tende a prediligere scene diurne; entrambi i generi musicali sono velati da un forte senso di tristezza e nostalgia, tuttavia mentre il Fado mantiene questo senso di tristezza, la canzone napoletana riesce in qualche modo a superarlo attraverso l’ironia.

Questo probabilmente contraddistingue un atteggiamento tipico dei napoletani, ossia la capacità di fronteggiare le situazioni col sorriso, senza lasciarsi piegare e sopraffare dalla tristezza, un atteggiamento che probabilmente solo i napoletani come me potranno riconoscere.

La popolarità sia del Fado che della canzone tradizionale napoletana risiede nel fatto che le canzoni accomunano tutti i ceti sociali, anche se le tematiche trattano di gente semplice, dai sentimenti ingenui e sognanti. Sono canzoni in cui le “parole sono dolci e amare, ma sono sempre parole di amore“ come dicono i versi della canzone napoletana “Chist’ è ‘o paese do sole”.

Ascoltando alcune canzoni del repertorio classico napoletano interpretate da Massimo Ranieri come “Nuttata e sentimento”, sembra di sentire la musicalità del Fado, oppure nella canzone “E spingule francesi” gli intrecci delle chitarre ricordano moltissimo la musica popolare portoghese.

La contaminazione tra Fado e canzone napoletana è riscontrabile, inoltre, nel’interpretazione di canzoni napoletane da parte di alcune celebri cantanti di fado, ossia Amália Rodrigues e Teresa Salgueiro.

Ad esempio Amália Rodrigues cantò alcune famose canzoni come “Il canto delle lavandaie del Vomero” e “La tarantella” e inoltre duettò con il celebre Roberto Murolo interpretando le canzoni “Dicitencello vuje” e “Anema e core”.

Anche Teresa Salgueiro riconobbe questa relazione tra fado e canzone napoletana e cantò canzoni popolari come “La tammurriata” e “Era de maggio”. La Salgueiro riconobbe inoltre le forti somiglianze tra Lisbona e Napoli; in un’intervista di Carlo Moretti la Salgueiro disse:«Napoli e Lisbona sono molto simili, due città di mare, due porti aperti verso il mondo e le altre culture e con un gusto particolare per la musica e la melodia». Due popoli disposti «alla gioia e alla nostalgia tipica di chi parte e alla malinconia di chi resta» osserva la Salgueiro.

«Si crede che il Fado sia solo malinconico e nostalgico ma può anche essere giocoso e sarcastico, elementi che ritrovo anche in queste canzoni napoletane».

“Le città di mare
sono i punti d’incontro
di mille avventure
di lingue diverse
e di facce scure
di gente che passa
e si ferma a guardare”

(“Le città di mare” di Eugenio Bennato, 1990)

 

di Valeria Frenda

Nata nel 1988 a Pompei, in provincia di Napoli, è fiera delle sue origini napoletane e sostiene di parlare quattro lingue, italiano, inglese, portoghese e napoletano. Laureata in Filosofia presso la Federico II di Napoli nel 2012, ora frequenta la Magistrale di Filosofia.

Ha collaborato con associazioni di volontariato e lavorato con bambini provenienti da situazioni a rischio organizzando attività ludiche e scolastiche. Ama la natura, la fotografia e tutto ciò che riguarda l’arte intesa come espressione di sé. Arrivata a Lisbona a settembre del 2013 per il progetto Erasmus, è profondamente innamorata di questa città, perché le ha fatto scoprire chi è veramente.

 

Salvo accordi scritti, la collaborazione di Valeria Frenda a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita, volontaria e non retribuita. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non ha alcuna cadenza periodica.

Annunci

6 pensieri su “Lisbona e Napoli: l’incontro tra due città di mare attraverso la musica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...