Sciopero generale del 27 giugno: come ottenere una schedatura politica con l’inganno, senza l’uso della violenza


Lo scorso 27 giugno a Lisbona e in Portogallo, uno sciopero generale ha bloccato i trasporti, il sistema sanitario, le scuole e i tribunali. Ora i sindacati si preparano a un’estate di lotta contro le misure d’austerity imposte dal governo. Alla fine dello sciopero generale la polizia ha identificato duecento manifestanti che hanno cercato di bloccare il traffico sul Ponte 25 de Abril, uno dei principali punti d’accesso alla città di Lisbona.

Questa la cronaca “ufficiale”. Per Sosteniamo Pereira, il racconto di un italiano presente tra i manifestanti.

Per un romano avvezzo alle sassaiole di San Giovanni e ai roghi di Piazza del Popolo, la marcia improbabile di 300 portoghesi all’assalto del Ponte 25 aprile è parso un episodio di poco conto. Per qualche istante ho creduto di trovarmi in un film di Monteiro. Tuttavia è bene ricordare che anche il 25 aprile del 1974 era stato sufficiente lanciare garofani per portare a compimento la Rivoluzione. Ciò che di questo popolo gentile continua a sorprendermi é l’ostinata, indulgente ingenuità con cui accetta la causa di forza maggiore, che se dall’esterno può sembrare un fattore irritante, in realtà ci svela il segreto dell’unità dei portoghesi. Il “tem que ser” – letteralmente: “dev’essere (così)” costituisce il termine ultimo della ricerca delle cause e dei principi di ogni portoghese che si rispetti. Ma quello che é successo a Lisbona il 27 giugno, mentre la maggior parte della popolazione era in spiaggia, può essere considerato come un primo tentativo vagamente sgarbato di sottrarsi alla quiete del fatalismo.

Le forze dell’ordine hanno accompagnato un breve corteo non autorizzato per tutto il tragitto, assecondandone di fatto l’andamento; ma imboccata la rampa di accesso al ponte 25 aprile, gli agenti in tenuta anti-sommossa hanno bloccato l’allegra compagnia, conducendola in una vicina strada secondaria, con l’intento di identificare il maggior numero possibile di “sovversivi” (alla fine sono state identificate 226 persone). Ovvero, come ottenere una schedatura politica con l’inganno, ma anche in questo caso senza l’uso della violenza. “Tem que ser”, dunque? Questa volta no: come potete vedere nel breve video realizzato per Brand New Video, i manifestanti si sono opposti, esprimendo tutto il loro dissenso per una violazione tanto evidente delle buone maniere.

di Francesco Spinucci 

Francesco Spinucci è un videomaker freelance. Ha lavorato in TV per Annozero e Presa diretta, in onda sulla RAI. Nella stagione 2011/2012 ha lavorato con Michele Santoro per Servizio Pubblico, primo show televisivo italiano in onda su una rete multi-piattaforma indipendente. Si dedica alla produzione di documentari, reportage e inchieste occupandosi di riprese video e montaggio. Attualmente vive a Lisbona e insieme a Emanuele Correani ha fondato 
Brand New Video


 

Salvo accordi scritti, la collaborazione di Francesco Spinucci a questo sito è da considerarsi del tutto gratuita, volontaria e non retribuita. Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non ha alcuna cadenza periodica.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...